Gruppo

FIMER LANCIA DUE PIATTAFORME INNOVATIVE PER IL SEGMENTO UTILITY

Per scoprire le nuove soluzioni ma anche esplorare gli impianti, le innovazioni e i processi in atto nell’headquarter a impatto zero di Vimercate (MB) e nel centro di produzione e ricerca di Terranuova Bracciolini (AR), FIMER invita tutti i clienti e i partner a partecipare a un vero e proprio Tour virtuale a 360° al via oggi.

FIMER, azienda leader nella produzione di inverter fotovoltaici, annuncia il lancio di due piattaforme innovative per il segmento Utility, un inverter di stringa multi-MPPT ad alta potenza e una soluzione di conversione modulare, pensate sia per applicazioni centralizzate che decentralizzate e adatte quindi a qualsiasi progetto nel segmento Utility. 

Le nuove soluzioni targate FIMER rispondono alle esigenze di oggi e del futuro del mercato Utility per il quale è diventato cruciale poter disporre di soluzioni ad alta densità di potenza, flessibili e affidabili. Si tratta di un mercato sul quale FIMER ha deciso di intensificare gli investimenti in R&D, inaugurando di recente anche un nuovo Centro di Ricerca & Sviluppo, e per il quale si stima una crescita importante nei prossimi anni a livello globale: secondo l’ultima edizione del Renewable Energy Market Update prodotto dall’International Energy Agency, la percentuale di applicazioni utility-scale crescerà da oltre il 55% nel 2020 a quasi il 70% nel 2022

In questo contesto, le soluzioni con inverter di stringa sono diventate la tecnologia più popolare e diffusa proprio perché la conversione modulare è in grado di offrire rendimenti più alti a fronte di rischi più limitati e un impegno minore in termini di gestione e manutenzione. Il tutto si traduce nel raggiungimento di un più basso indice del costo livellato dell’energia (levelized cost of energy - LCOE) rispetto ad una soluzione centralizzata. 

Le nuove soluzioni nel concreto

Il nuovo PVS-350 è l’inverter multi-MPPT a più elevata densità di potenza presente sul mercato fotovoltaico ed è ottimizzato per installazioni su impianti fotovoltaici decentralizzati con una massima resa energetica ɳMAX > 99%. Una soluzione ad altissima efficienza con le dimensioni più compatte del mercato e che riduce in maniera significativa il rischio di “fuori servizio” che possono manifestarsi con inverter centralizzati. 

Per installazioni su impianti fotovoltaici con architettura centralizzata invece – che attualmente coprono il 40% del mercato Utility – FIMER annuncia il lancio di PVS-260/PVS-300, una soluzione interamente modulare basata su una piattaforma a singolo MPPT. Si tratta di un prodotto estremamente scalabile che sostituisce integralmente gli inverter centralizzati nelle strutture più tradizionali e che, rispetto a questi ultimi, migliora notevolmente le performance e abbassa i costi Balance of Plant (BoP), ottimizzando e riducendo il costo livellato dell’energia (LCOE) del 2,3%. Inoltre, questo tipo di soluzione vanta una più alta disponibilità del sistema che ammonta a oltre il 99,9% rispetto al 99,5% massimo delle soluzioni centralizzate basate su convertitori monolitici.
 
E ancora: la piattaforma PVS-260/PVS-300 possiede una elevata potenza di uscita combinata ad un  singolo MPPT dal design super compatto, elemento che darà la possibilità ai progettisti d’impianti di mantenere, se necessario, un’architettura di sistema centralizzata. Tutta l’elettronica di potenza poi si concentra vicino agli altri componenti AC, semplificando il controllo e la manutenzione di routine. 

Combinando i moduli di potenza in una struttura pre-assemblata e una stazione MT collaudata nello stabilimento FIMER, la nuova piattaforma può competere con le soluzioni multi-megawatt degli inverter centralizzati di ultima concezione, consentendo quindi ai progettisti di applicare una struttura modulare a sistemi di tutte le dimensioni. Oltre alle opportunità di revamping, la nuova piattaforma sarà inoltre di facile integrazione con i sistemi di accumulo, intercettando così anche le esigenze future del mercato utility.

Nonostante il passaggio dagli inverter centralizzati alle tecnologie di stringa abbia subito un’accelerazione negli ultimi cinque anni nel segmento Utility, FIMER è consapevole di come le strutture centralizzate siano comunque ad oggi prevalenti. Proprio per questo, le nuove soluzioni si adattano sia ad applicazioni centralizzate che decentralizzate.

Guarda il video e ottieni maggiori informazioni sulle nuove piattaforme FIMER cliccando qui.

Le dichiarazioni di FIMER

Maren Schmidt, Managing Director Utility Line of Business, commenta: “In considerazione della crescita che si stima per il segmento Utility nei prossimi 5 anni, abbiamo voluto offrire al mercato soluzioni in grado di massimizzare il ritorno sull’investimento di tutti i sistemi emergenti incluso lo storage, mantenendo al contempo la modularità. Queste soluzioni sono uniche e innovative per il segmento Utility perché vanno incontro alle necessità dei clienti di oggi e, al contempo, si adattano e si integrano con estrema facilità a tecnologie future”.

Filippo Carzaniga, Presidente di FIMER, aggiunge: “Stiamo investendo molto nel segmento Utility con l’obiettivo di rendere le nostre soluzioni sempre più innovative e in linea con le esigenze dei player di un mercato dove il time to market è fondamentale. In altre parole, occorre saper ascoltare il mercato e offrire in rapidità soluzioni al passo con i tempi. Per questo, abbiamo sviluppato le due nuove soluzioni in tempi record: 8 mesi di sviluppo. Non solo. Entro fine anno, lanceremo nuove e importanti soluzioni di assoluta avanguardia”. 


Per partecipare al 360° Virtual Tour di FIMER, cliccare qui.


Principali caratteristiche del nuovo inverter PVS-350 multi-MPPT:

  • Il più potente inverter di stringa del segmento Utility (350 kVA); Rapporto potenza/peso > 3kW/kg.
  • Compatibile con i moduli Ultra High-Power (celle da 182mm/210mm) con 12 MPPT da 45A.
  • Massimo rendimento di potenza, ɳMAX > 99 %.
  • Possibilità di diagnosi delle singole stringhe attraverso l’analisi online della curva IV.

Grazie alla potenza record e allo straordinario rapporto potenza/peso, è possibile diminuire i costi di trasporto e di installazione fino al 30% e aumentare del 15% la capacità AC della cabina MT se paragonata ad altre soluzioni di conversione decentralizzata ad oggi disponibili. Questo significa meno cabine per MW AC di potenza installata, con un risparmio totale che, per un sistema da 100MW, può superare gli 0.2 centesimi di Euro/watt.

I parametri d’ingresso del convertitore multi-MPPT sono stati ottimizzati per sfruttare al meglio i benefici dei più recenti moduli cristallini ad altissima potenza con celle da 182x182mm e 210x210mm, consentendo ulteriori risparmi sui costi a livello di sistema che possono variare da 0.5 a 0.9 centesimi di Euro/watt se paragonati a sistemi progettati con moduli convenzionali (ad esempio con celle da 166x166mm). 

Principali caratteristiche della piattaforma di conversione modulare PVS-260/PVS-300:

La piattaforma PVS-260/PVS-300 di FIMER permette di allineare i costi d’investimento della soluzione modulare a quella di una soluzione centralizzata, assicurando allo stesso tempo i vantaggi propri di una conversione modulare:

  • Una migliore disponibilità del sistema, superiore al 99.9% rispetto al 99.5% massimo dalle soluzioni centralizzate.
  • Minore impegno in O&M, solitamente 1,3 centesimi di Euro/watt in meno rispetto a soluzioni centralizzate per un impiego di oltre 25 anni.

Queste caratteristiche consentono una consistente riduzione del 2.3% dell’indice LCOE di una struttura a conversione modulare rispetto ad una soluzione centralizzata. 

  • Elevati indici di densità e capacità di potenza, 2 volte superiori ad ogni altro inverter di questa categoria disponibile sul mercato, consentendo nel concreto l’installazione di un minor numero di unità per la stessa capacità MVA. 
  • Una struttura centralizzata con concetto di conversione modulare per rimpiazzare ogni soluzione tradizionale di inverter centralizzato, mantenendo le stesse dimensioni e garantendo una flessibilità e granularità imbattibili. Combinando da 6 fino a 24 moduli inverter la potenza complessiva del Medium Voltage Compact Skid da 40 piedi completamente accessoriata e ultra compatta può essere selezionata nell’intervallo compreso tra i  1560kVA e i 7200kVA.
  • Un tempo di fermo impianto minimo, disponibilità > 99.9% grazie alla tolleranza ai guasti intrinseca garantita dalla conversione modulare che non è replicabile su inverter centralizzati. Un ridotto MTTR (Men Time to Repair), se rapportato a inverter centralizzati multi-MW che richiedono lunghe e onerose attività di riparazione in loco condotte da personale specializzato. 
  • Riduzione dei costi in termini di O&M, solitamente 1,3 centesimi di Euro/watt in meno rispetto a soluzioni centralizzate per un impiego di oltre 25 anni, grazie alla granularità della conversione di potenza raggiunta attraverso blocchi di potenza di ridotte dimensioni e intercambiabili.